[IT] Dove si trova la più grande laguna geotermica del mondo

[IT] Dove si trova la più grande laguna geotermica del mondo

Read complete article on fanpage.it 

Non solo l’Islanda come meta turistica per rilassarsi e immergersi in un paesaggio mozzafiato, presto geoLagon sarà la più grande laguna geotermica del mondo.

Molto più grande della famosa Laguna Blu islandese, in Canada sta per essere realizzata una nuova magnifica laguna all'aperto che che è progettata per essere la più estesa al mondo e con temperature sempre miti, tutto l'anno, grazie ad un innovativo sistema geotermico. Si chiamerà geoLagon e si integrerà perfettamente nel paesaggio naturale circostante con centinaia di chalet che daranno vita ad un vero e proprio nuovo villaggio autosufficiente.

GeoLagon sarà molto più grande della laguna islandese

GeoLagon sorgerà lungo la Petite Rivière St François, nella periferie nord-est della regione del Quebec, in Canada, a due passi dal Massif de Charlevoix. Ispirata alle famose lagune geotermiche dell'Islanda, quella canadese sarà la più grande al mondo con acque che ricoprono una superficie di 12.000 metri quadrati e una temperatura costante intorno ai 39 gradi che permetteranno alle persone di rilassarsi e immergersi nel paesaggio anche se le temperature esterne sono più rigide. In questa zona del Canada l'aria gelida scende molto al di sotto dello zero nel periodo invernale.

Geolagon sorgerà in Quebec

A realizzare l'ambizioso progetto è la società del Quebec geoLagon inc, specializzata nella vendita di chalet in affitto a breve termine, che ha già messo in vendita le costruzioni dei villaggi attorno alla laguna a partire da 819.000 dollari per due chalet. Il progetto ha vinto anche il premio come migliori iniziativa di sviluppo sostenibile dell'anno grazie ai villaggi completamente autosufficienti che useranno per l'energia il solare, geotermico, le biomasse e "un serbatoio termico – spiega il proprietario e CEO di geoLagon Louis Massicotte – che verrà installato sotto la laguna e accumulerà acqua calda a 70°C per riscaldare gli chalet del villaggio". Questi villaggi non solo saranno autosufficienti dal punto di vista energetico, ma alla fine saranno in grado di offrire la loro energia in eccesso alle comunità circostanti.

 

Read complete article on fanpage.it 

translation missing: en.general.search.loading